fbpx
Menu

Articoli Correlati

Ultimi Articoli

Dacci un taglio

Elimina i rami secchi

È tempo di fare ordine nella mia vita

Quante volte abbiamo detto o sentito queste parole?

Tali frasi si usano spesso per descrivere in senso metaforico la chiusura di una relazione, una decisione definitiva o, semplicemente, fare una scelta che esclude altre possibilità.

Per i giapponesi tutto ciò si racchiude nella parola sukkiri, ovvero in due parole: eliminare e far spazio.

Sukkiri vuol dire eliminare ciò che è inutile – che non serve più, che non è più funzionale o che per noi in quel momento non apporta più alcun beneficio – e far spazio ad altro.

Potrebbe essere paragonato al decluttering, anche se è un concetto più ampio e profondo.

Ti può interessare anche: Taijin kyofusho – L’ansia sociale Made in Japan

Liberarsi dal superfluo

Alle volte può essere difficile liberarsi di ciò che è superfluo o che ci appesantisce.

Si innescano tante sensazioni ed emozioni: senso di colpa, paura del cambiamento, abitudine, dolore, malinconia, solitudine.

Tuttavia se si riesce con coraggio a tagliare, se ne raccoglieranno i risultati.

D’altronde le piante hanno bisogno di essere potate per prepararsi alla nuova stagione, il serpente fa la muta e cambia la pelle vecchia, ogni essere vivente affronta delle trasformazioni che prevedono il lasciar andare qualcosa.

10 REGALI PER LO PSICOLOGO FREUD ADDICTED

Con l’età cambiano le esigenze, lo stile di vita, le relazioni, gli obiettivi…

È un processo di crescita naturale che bisognerebbe assecondare.

È come un viaggio a tappe, bisogna partire leggeri perché altrimenti il carico diventa pesante e insostenibile.

Ed è così che un rapporto d’amicizia, tanto solido in adolescenza, possa affievolirsi fino a spegnersi, in età adulta. Oppure un legame d’amore, tanto forte e intenso, possa essere una zavorra fatta di vincoli, frustrazione e negatività.

Fare spazio al benessere

La presa di consapevolezza a volte è dura da accettare, altre è ormai evidente.

Ad ogni modo fare sukkiri può essere un passo difficile.

Ma sebbene sia doloroso tagliare via dalla propria vita qualcosa o qualcuno, piano piano il dolore lascia lo spazio alla leggerezza, alla voglia di vivere, alla serenità, al benessere.

Come nel decluttering si pulisce e si fa ordine per fare spazio al nuovo, applicare il sukkiri significa creare nuovo spazio mentale, relazionale e personale.

Si eliminano la rabbia, il dispiacere, le incomprensioni, le parole non dette, i rimpianti e le notti insonni.

Si può fare esercizio a partire dalle piccole cose. In casa, in ufficio, in cantina.

Eliminiamo cose che non indossiamo più o che rappresentano solo un ricordo (basta un fumetto, non tutta la collezione, un vestito non tutti..), liberiamo gli scaffali, regaliamo, doniamo, ricicliamo.

Sito web per psicologi - Marketing per Psicologi

Poi, quando ci sentiremo pronti, passiamo a far ordine dentro di noi e attorno a noi.

Prendiamo una decisione in stand by da tempo, diciamo con coraggio ciò che vogliamo ai nostri cari, facciamo un viaggio che rimandiamo da tempo, facciamo una cena romantica senza figli, spegniamo il cellulare e godiamoci il posto e apriamoci al cambiamento.

Letture consigliate

Articoli Correlati

Psicologia

Conoscere e comprendere i nostri sensi

L’uso consapevole dei sensi può conferire qualità alla nostra vita, risparmiandoci sensazioni spiacevoli: impariamo a conoscerli e riconoscerli meglio.

Postato da Angela Maluccio
Nankurunaisa - Psicologia Orientale

Shikata ga nai

Shikata ga nai è un termine giapponese di difficile traduzione e interpretazione. Significa, letteralmente, "Non c'è nulla da fare".

Postato da Valentina Ambrosio